SM-CCSVI

L'Insufficienza Venosa Cronica Cerebro Spinale nella Sclerosi Multipla

Archivio ‘Ms-ccsvi’ Categoria

Aggiornamento Modulistica

E’ stata aggiornata la sezione “Modulistica“, con la seguente documentazione:

– un elenco di esami di laboratorio richiesti per l’angioplastica;
– il testo della Dichiarazione di Consenso Informato, che il paziente deve firmare per sottoporsi alla flebografia e all’intervento di Angioplastica in CCSVI. A tale dichiarazione è allegato un documento contenente informazioni al paziente circa efficacia, modalità di esecuzione, rischi dell’esame flebografico e dell’intervento di Angioplastica in CCSVI (Chronic Cerebro-Spinal Venous Insufficiency);
– un documento contenente consigli sull’alimentazione durante la terapia anticoagulante post operatoria.

Aggiornamento sezione “Diagnosi e Terapia”

Si comunica agli utenti del blog che la sezione “Diagnosi e Terapia” è stata aggiornata.

Si consiglia di prenderne visione per avere le ultime notizie circa i trattamenti di angioplastica.

EcoColorDoppler per CCSVI a Genova

Dal mese di Gennaio 2011, sarà possibile eseguire la diagnosi dell”Insufficienza Venosa Cronica Cerebro Spinale (CCSVI) anche presso l’Istituto Diagnostico e Fisioterapico CIDIMU S.p.A. di Genova.

Per informazioni potete contattare il numero:
+39 010 89 02 111

oppure inviare un’email all’indirizzo:
cidimu.genova@cidimu.it

Intervista al Prof. Zamboni

Intervista di Arnaldo D’Amico comparsa su “La Repubblica” del 19/10/2010

GOTEBORG – La lunga seduta plenaria che il congresso europeo sulla sclerosi multipla ha dedicato alla nuova teoria sulla causa venosa della malattia si è appena conclusa. Tremila neurologi di tutto il mondo hanno ascoltato l’intervento di Paolo Zamboni. Poi i risultati delle 18 ricerche ispirate dalla sua teoria. Molte non la confermano, alcune sì.

Soddisfatto?
“Sì, ho visto molto interesse da parte dei colleghi e se il lavoro di ricerca continuerà con questa intensità penso che in pochi anni ci saranno i dati sufficienti a trarre conclusioni”.

Lei ha trovato restringimenti nelle vene che portano via il sangue dal cervello in tutti i malati e in nessuno dei soggetti sani. In altri lavori presentati, invece, questa anomalia venosa (CCSVI) viene riscontrata solo in una parte dei malati. E anche nei sani. Come lo spiega?

“Gli altri hanno usato metodi doppler per diagnosticare la CCSVI diversi dal mio. Precisato questo, anche io, allo stato attuale delle conoscenze, non me la sento di affermare che la CCSVI sia l’unica causa della sclerosi multipla. Per ora si può affermare che si associa alla sclerosi multipla. Gli studi avviati chiariranno in quale percentuale. Ma a molti malati la questione appare secondaria”.
(more…)

Sclerosi, colpa delle vene ristrette? “La risposta entro un anno”

Articolo de “La Repubblica” del 19/10/2010 di Arnaldo D’Amico

Sessantamila gli italiani colpiti. Stanziati tre milioni di euro per finanziare le indagini. Al congresso europeo specialisti pro e contro l’ipotesi dell’italiano Zamboni sulla causa scatenante della malattia che ha acceso molte speranze tra i pazienti. La nuova teoria sarà valutata con sperimentazioni negli Usa e in Canada. E in Italia a partire da metà novembre

GOTEBORG –  Un sasso nello stagno. È l’espressione usata per la nuova cura del professor Paolo Zamboni al congresso del Comitato europeo per la ricerca e la terapia della sclerosi multipla (Ectrims 2010) della scorsa settimana a Goteborg, Svezia. In questa malattia (60 mila gli italiani colpiti, 2,5 milioni nel mondo), nonostante i decenni di ricerche, non si va oltre la ricostruzione del meccanismo di auto-aggressione al cervello che rende la vita un supplizio degno di un genio del male. La vittima, preferite ragazze e bambine, all’improvviso diventa quasi cieca o perde l’uso di una mano o cammina male o subisce tutto questo e altri danni neurologici insieme.

(more…)