SM-CCSVI

L'Insufficienza Venosa Cronica Cerebro Spinale nella Sclerosi Multipla

Archivio Tag

“Venous Angioplasty in Patients with Multiple Sclerosis: Results of a Pilot Study”

Sorry, this entry is only available in Italiano.

(Italiano) Studio clinico CCSVI Gruppo CIDIMU

ISNVD ANNUAL MEETING BOLOGNA

On March 14th and 15th, 2011 in Bologna (Italy,) took place l’ISNVD Annual Meeting, presided by Prof. Paolo Zamboni. The meeting involved the biggest rappresentatives in the scientific research for CCSVI.
Dtr. Ugo Riba took part at the meeting for the CIDIMU Group.

Video: Prof. Zamboni’s speech (Ita)

Video: Dott. Zivadinov’s speech (ita)

Video: Dott. Salvi ‘s speech (ita)

Gruppo CIDIMU: punto della situazione sullo studio CCSVI

Attualmente, presso l’Istituto CIDIMU S.p.A. di Torino, sono stati eseguiti circa 450 EcoColorDoppler per Insufficienza Venosa Cronica Cerebro-Spinale secondo il Protocollo del Prof. Zamboni con macchine Esaote dedicate, personalmente e con la supervisione del Dott. Riba.

Nei prossimi mesi è prevista una drastica riduzione dei tempi d’attesa poiché sono stati formati nuovi Medici in grado di eseguire tale esame con invariata cura e professionalità.

Per quanto riguarda il trattamento, a partire dal mese di novembre 2010 sono  state eseguite dall’équipe interventista del Gruppo CIDIMU (Dott.ri J. Clerissi e C. Massa Saluzzo) circa 50 angioplastiche a Torino, Milano e Pavia. Il Gruppo CIDIMU si sta attrezzando, contattando altre Strutture Sanitarie, per avere una maggior disponibilità anche per quel che concerne i trattamenti.

I risultati ottenuti dagli interventi sono molto incoraggianti.

E’ in corso d’opera l’organizzazione di un Convegno a Torino sulla CCSVI con la presentazione dei primi risultati della ricerca del Gruppo CIDIMU.

Intervista al Prof. Zamboni

Intervista di Arnaldo D’Amico comparsa su “La Repubblica” del 19/10/2010

GOTEBORG – La lunga seduta plenaria che il congresso europeo sulla sclerosi multipla ha dedicato alla nuova teoria sulla causa venosa della malattia si è appena conclusa. Tremila neurologi di tutto il mondo hanno ascoltato l’intervento di Paolo Zamboni. Poi i risultati delle 18 ricerche ispirate dalla sua teoria. Molte non la confermano, alcune sì.

Soddisfatto?
“Sì, ho visto molto interesse da parte dei colleghi e se il lavoro di ricerca continuerà con questa intensità penso che in pochi anni ci saranno i dati sufficienti a trarre conclusioni”.

Lei ha trovato restringimenti nelle vene che portano via il sangue dal cervello in tutti i malati e in nessuno dei soggetti sani. In altri lavori presentati, invece, questa anomalia venosa (CCSVI) viene riscontrata solo in una parte dei malati. E anche nei sani. Come lo spiega?

“Gli altri hanno usato metodi doppler per diagnosticare la CCSVI diversi dal mio. Precisato questo, anche io, allo stato attuale delle conoscenze, non me la sento di affermare che la CCSVI sia l’unica causa della sclerosi multipla. Per ora si può affermare che si associa alla sclerosi multipla. Gli studi avviati chiariranno in quale percentuale. Ma a molti malati la questione appare secondaria”.
(more…)