SM-CCSVI

L'Insufficienza Venosa Cronica Cerebro Spinale nella Sclerosi Multipla

The value of cerebral Doppler venous haemodynamics in the assessment of multiple sclerosis

TRADUZIONE IN ITALIANO DELL’ABSTRACT DELL’ARTICOLO “The value of cerebral Doppler venous haemodynamics in the assessment of multiple sclerosis”, JOURNAL OF THE NEUROLOGICAL SCIENCES 282 (2009) 21-27

Paolo Zamboni, Erica Menegatti, Roberto Galeotti, Anna Maria Malagoni, Giovanna Tacconi, Sergio Dall’Ara, Ilaria Bartolomei, Fabrizio Salvi

I depositi di ferro nella materia bianca e grigia profonda nei soggetti affetti da Sclerosi Multipla non sono mai stati spiegati e potrebbero essere connessi ad anomalie nel drenaggio venoso, tuttavia questa possibilità non è mai stata indagata.

Da un primo gruppo di 320 soggetti, previa applicazione di criteri di esclusione, abbiamo selezionato 109 pazienti affetti da Sclerosi Multipla, e 177 controlli, rispettivamente suddivisi per età e sesso, soggetti sani di età avanzata e pazienti affetti da altre malattie neurologiche.
Essi sono stati sottoposti ad EcoColorDoppler transcranico ed extracranico in cieco, volto ad indagare cinque parametri relativi al normale deflusso venoso cerebrale.
Complessivamente abbiamo analizzato 1.430 parametri TCSS-ECD. Nei controlli abbiamo trovato 24 parametri anomali di ritorno venoso su 861 normali, mentre nei casi di Sclerosi Multipla rispettivamente 288 parametri erano normali e 257 anomali. Di conseguenza, ciascuno dei parametri emodinamici considerati con il Doppler, rispetto ai criteri rivisti di McDonald come il gold standard della diagnosi di Sclerosi Multipla, ha mostrato separatamente un’altamente significativa sensibilità e una specificità degne di nota. Tuttavia, il rilevamento di = 2 parametri nel medesimo soggetto, mai osservato nei controlli, è perfettamente sovrapposta alla diagnosi di Sclerosi Multipla (valore, 95% CI: sensibilità 100%, 97-100; specificità del 100%, 98-100; valore predittivo positivo del 100%, 97-100, valore predittivo negativo del 100%, 98-100; p<0.0001). Inoltre, questo studio dimostra un notevole peggioramento del drenaggio venoso cerebrale in pazienti affetti da Sclerosi Multipla, un meccanismo potenzialmente correlato all’aumento dei depositi di ferro.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. Both comments and pings are currently closed.

COMMENTS

6 Commenti

  1. franca lise

    October 12th, 2010 08:56 AM

    fortunatamente non ho la sclerosi- multipla,ma sono stata colpita da ictus ischemico 3 anni fa e non mi è stata individuata nessuna probabile causa ma leggendo qua e la vari articoli a riguardo di questa insuccienza venosa cronica cerebrospinale mi sono chiesta se questa stessa cosa potrebbe essere causa del mio ictus, il dubbio mi nasce perchè dall’ultimo esame ecodoppler transcranico che ho eseguito la dottoressa mi spiegava in parole molto semplici per aiutarmi” che tutto è nella norma che la carotide si è liberata ma pare che il flusso in arteria cerebrale media e del sifone carotideo risulta ridotto rispetto alle contro laterali, al che il dubbio nasce spntaneo per una profana potrebbe trattarsi della stessa cosa come per la sclerosi? cosa posso fare per liberarmi da tale dubbio potete aiutarmi? qualcuno può rispondermi? grazie franca dott.ssa lise (non sono medico)3474852177/0774345132 franca.lise@alice.it

  2. Webmaster

    October 12th, 2010 01:47 PM

    Data la natura personale della domanda, è stata data una risposta in privato.

  3. LUCIA

    November 9th, 2010 02:44 PM

    NON HO UNA DIAGNOSI
    Sono una donna di 47 anni, tutto e’ inziato ad aprile 2007 con le punte delle dita intorpidite, poi il mio avambraccio lo sento come se avessi un elastico che mi blocca la circolazione, successivamente la gamba e il piede destro sono irrigidite ed ho difficolta’ motoria e sensoriale la mia camminata e’ atassica, ho problemi di equilibrio e la mia parlata e’ disartrica. Ho fatto la prima RM ad agosto 2007 ed il risultato era ” lesione bulbare.”
    Ad ottobre 2007 sono stata ricoverata all’istituto Carlo Besta di Milano per sospetto linfoma mi e’ stata fatta una nuova RM ed hanno visto che la lesione si era ridotta e che quindi non si trattava di linfoma cosi’ mi hanno fatto una puntura lombale ed ha dato risultato negativo ho fatto anche campi uditivi visivi, EMG, ECG, PET,SCINTIGRAFIA OSSEA ma non e’ stata individuata nessuna patologia inerente a questa lesione bulbare.
    Poi sono stata ricoverata a Pisa dove mi hanno fatto oltre alla RM encefalica e alla colonna vertebrale, una nuova puntura lombale che ha dato sempre esito neg. ogni tre mesi una RM encefalica poi ho fatto una visita al S. Raffaele di Milano ed anche qui ho fatto una RM ed una nuova puntura lombale che ha dato sempre esito neg. (in totale tre rachicentesi) A settembre 2009 sono stata ricoverata a genova (presso ospedale s. martino), dove mi sono stati fatti alcuni accertamenti che non hanno prodotto risultati . Nell’ultima RM la lesione si e’ ridotta e l’edema non c’e’piu’, cioe’ la lesione che era puntiforme adesso e’ inattiva ma i sintomi sono sempre presenti :

    I sintomi principali sono:
    intorpidimento alle punte delle dita,
    avambaccio destro come fosse stretto da un elastico e questo pregiudica anche la scrittura.
    affaticamento che aumenta progressivamente nella giornata (mortficando maggiormente la deambulazione e la difficolta’ di parola.)
    difficolta’ motoria e sensoriale e problemi di equilibrio, camminata atassica,
    difficolta’ di linguaggio,disartria
    sono molto pallida

    Ho letto della CCSVI e da inesperta ed incompetente mi chiedo se questi miei sintomi possono essere in parte legati alla ccsvi (oltre che alla cicatrice della lesione). Sono veramente disperata, parlo male, scrivo malissimo perche’ all’avambraccio destro e’ come se evessi un elstico, cammino malissimo (la gamba e il piede destro sono piu’ compromessi e ,meno sensibili), non ho equilibrio,non ho forza, sono stanca,le punte delle mie mani sono sempre intorpidite. Dalle analisi del sangue effettuate risulta una notevole carenza di ferro e il medico mi ha dato delle pastiglie x integrare questo ferro.
    Devo continuare a prenderle? Non e’ che questo ferro mi si accumula nel cervello e mi fa altri danni?

    Sono molto angosciata, e preoccupata.
    Se e’ possibile vorrei ricevere una risposta con un Vs. parere. privatamente all’indirizzo di e mail : lucia2k@hotmail.it
    Vi ringrazio anticipatamente

  4. Webmaster

    November 11th, 2010 11:26 AM

    Data la natura personale della domanda, è stata fornita una risposta in privato.

  5. Monika Dizdar

    October 24th, 2011 12:39 PM

    Greetings!

    My name is Monika Dizdar and I was born on August 28. 1986 in Ljubljana, Slovenia. I have been diagnosed with Sclerosis multiplex around eight years ago. I had to do a lot of tests before they gave me this diagnoses. In the beginning the dieses progressed quit a lot and I tried quite of few medications (medrol, b-taferon, Novantron). I had strong side effects and I stopped using them. At the moment I have to use a wheelchair. I had the ultrasound of carotid arthury that should some changes. Currently nobody performs the procedure known as delitation of carotid arthury. I would like to inquire if there are any options for me to have this operation done by you. I am looking forward for your responds.
    Thank you very much!

    21.10.2011, Ljubljana
    Monika Dizdar

  6. angelica

    October 25th, 2011 01:27 PM

    Hi Mrs Dizdar,

    I must point out a very important thing: the Echocolordoppler for the diagnosis of CCSVI studies directly jugular veins and indirectly the azygos vein, not the carotid arteries.
    We can carry out this kind of examination in our Centre- C.I.D.I.M.U. S.p.a. in Torino (Piedmont, Italy)-. It costs 250 Euros and it lasts about one hour.
    Concerning the angioplasty that should follow for the patients who are positive to CCSVI, we would like to address them to facilities where there are very trustworthy interventional radiologists, but currently in Italy there are very strict rules and our hands are tied.
    For the moment, all we can do is to suggest you to go to Tokuda Hospital in Sophia for the PTA.
    Please, keep us updated with your situation.

    Best wishes.

La discussione e' chiusa.