SM-CCSVI

L'Insufficienza Venosa Cronica Cerebro Spinale nella Sclerosi Multipla

“Venous Angioplasty in Patients with Multiple Sclerosis: Results of a Pilot Study”

Abstract dello studio “Venous Angioplasty in Patients with Multiple Sclerosis: Results of a Pilot Study”

E’ del 12 agosto 2011 la pubblicazione sull’European Journal of Vascular and Endovascular Surgery, autorevole rivista scientifica, di un nuovo studio firmato dai protagonisti della ricerca sulla CCSVI esponenti dell’Università di Ferrara (Centro Malattie Vascolari) e della Buffalo University (Buffalo Neuroimaging Analysis Center), ovvero P. Zamboni, R. Galeotti, B. Weinstock-Guttman, C. Kennedy, F. Salvi e R. Zivadinov.

Lo studio si è posto l’obiettivo di comprendere se l’angioplastica percutanea transluminale (PTA) sia sicura e se il trattamento riduca l’attività della SM effettivamente. Così sono stati trattati con angioplastica 15 pazienti, già in terapia farmacologica, e valutati attentamente e rigorosamente dal Buffalo Neuroimaging Analysis Center con l’utilizzo del gruppo di controllo, severi parametri di risonanza magnetica, un’analisi statistica indipendente etc.

Tale studio ha dato nuova linfa all’ipotesi vascolare implicata nella sclerosi multipla, riaccendendo il dibattito scientifico: i risultati hanno confermato ulteriormente la sicurezza dell’intervento ed evidenziato, nonostante il tasso di restenosi del 27%, un miglioramento delle condizioni dei pazienti relative alla sclerosi multipla.

Si tratta di uno studio che ha utilizzato un piccolo campione di pazienti, ma i risultati incoraggiano a perseguire più approfonditamente questa strada e ad allargare la prospettiva come il Brave Dreams, acronimo della sperimentazione multicentrica italiana di trattamento in procinto di partire, intende fare.

Dopo il sostegno governativo di Canada e Gran Bretagna, sostenere ancora che le sperimentazioni di trattamento non siano effettuabili, in attesa di ulteriori studi epidemiologici di conferma, appare dunque anacronistico e certamente inaccettabile, perché lungi dall’interesse reale scientifico e di miglioramento dell’approccio terapeutico nella sfera della sclerosi multipla.

Comunicato stampa firmato da: Associazione Abbraccio onlus (Piemonte), Associazione Isola Attiva onlus (Sardegna), Fondazione SMuovilavita onlus (Veneto)

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. Both comments and pings are currently closed.

COMMENTS